Iniziano le requisizioni

nov 29.

29 novembre 1917

Giunge a Vittorio un nuovo comandante che, confermando disposizioni precedenti, prende accordi con le autorità locali per istituire degli spacci popolari, in modo da sfamare la gente più povera. Delle requisizioni necessarie allo scopo vengono incaricati monsignor Bianchini e Francesco Sartori. Tuttavia, nonostante i due paghino in moneta italiana o austriaca, trovano poca collaborazione presso la popolazione, che preferisce tenere nascosti i viveri salvati.

Luogo
Vittorio