Oratorio dei Battuti

L'Oratorio dei Santi Lorenzo e Marco venne eretto dalla Confraternita di Santa Maria dei Battuti, così chiamati perché, tra le altre pratiche penitenziali, compivano una processione pubblica in cui si percuotevano con un fascio di cordicelle terminanti in nodi.

Tale Confraternita era un'organizzazione laica che si dedicava all'assistenza dei bisognosi, provvedendo, presso l'"ospedale" e l'attigua cappella, alla loro cura "materiale" e "spirituale"; essa venne istituita ufficialmente nel 1313, ma si stabilì in questo luogo forse già dalla fine del XIII secolo. L'interno dell'Oratorio è quasi completamente ricoperto di affreschi, realizzati nel corso della prima metà circa del XV secolo da diversi artisti, riferibili
alla cosiddetta "pittura gotico devozionale". Essi raffigurano le Storie di S. Lorenzo e le Storie di S. Marco, lungo le pareti, i quattro Evangelisti e i Dottori della Chiesa, sulle volte delle due campate, ed una splendida Crocifissione, presso l'altare maggiore.